Knidè.it

biciclettata knidè

 

sagra

 

 Rioniadi

 

 Castijune

 

 200° anniversario frazione

 

News Urticanti
Scritto da knidè    Mercoledì, 04 Aprile 2012 18:40
"U Fitu" (La Trottola)

Com’è ormai noto a tutti, lo scopo principale della nostra associazione è il ripristino e il mantenimento delle tradizioni. Non a caso, l’associazione Knidè, fra le manifestazioni che ogni anno prepara durante l’estate, organizza i giochi rionali e nel loro interno inserisce “giochi di una volta”, anche se adattati e rivisti  ai nostri tempi e alle esigenze delle rioniadi. Obiettivo dell’associazione è lasciare una traccia, donare uno strumento ai giovani di oggi, sempre più incapaci di divertisi ed annoiati davanti a TV e videofonini; far riscoprire loro il piacere di vivere all’aria aperta, dando sfogo alla fantasia inventando e riscoprendo giochi “poveri” nei materiali ma “ricchi” di iniziativa, inventiva, originalità. Non a caso  questi giochi richiedono bravura, elasticità mentale, esperienza, abnegazione, tanta voglia di divertimento.

Il gioco proposto e riscoperto dall’associazione per l’anno 2008 è il gioco de “u Fitu”, uno dei giochi più diffusi nel passato. Facile e pratico, era sufficiente un “fitu” (trottola) e tanta esperienza soprattutto nel lancio. Infatti, si segnava un punto per terra e ad una distanza di 4 metri di raggio si tracciava un cerchio. I partecipanti puntavano al centro del cerchio ognuno la propria monetina formando una pila. Subito dopo il “tocco” (la conta) si stabiliva chi doveva lanciare per primo. Scopo del gioco era riuscire a portare le monetine fuori dal cerchio esterno, divenendone così proprietario; il “fitu”, finchè era in movimento rotatorio, lo si poteva far salire sulla mano e rilanciarlo verso la monetina. La bravura dei giocatori era nel riuscire a mandare fuori le monetine direttamente con il lancio. Quando il “fitu” si fermava, il gioco passava di mano all’avversario.