Knidè.it

biciclettata knidè

 

sagra

 

 Rioniadi

 

 Castijune

 

 200° anniversario frazione

 

Cosimo Cantore
Scritto da knidè in data 05.04.2012  

uno dei reduci della seconda guerra mondiale

Deportazione, sterminio, morti, feriti e tanto ancora caratterizzarono gli anni della seconda guerra mondiale (1939-1945).
Tanta paura e sofferenza portano ancora oggi nel cuore coloro che in prima persona hanno vissuto questa esperienza; è quello che si legge anche negli occhi di Cosimo Cantore, nostro concittadino che partecipò alla battaglia mondiale, affrontando con ardore l’incubo di quella guerra.
Nato in Castiglione di Andrano il 25.09.1918 da Luigi e Lucia, entrambi fornai dal 1920, prima in via Pescara e poi in via Pisanelli. Il maggiore di due fratelli, parte in guerra in seguito a cartolina di precetto il 04.01.1941 e viene arruolato nell’artiglieria truppe ZARA, presso la caserma A. Diaz.

Leggi tutto:
 
Aniceta Botrugno (Naceta)
Scritto da knidè   in data 05.04.2012

Botrugno Aniceta - Nonna NacetaPersonaggio 2010
100 anni per nonna Naceta (25 giugno 1910 – 25giugno 2010)

Oggi è un giorno di festa per tutti noi, la zia Naceta  compie 100 anni ed io non ho resistito al desiderio di fare delle riflessioni sulla sua vita . E’ stato molto difficile organizzare il pensiero con il cuore in tumulto per l’emozione e perciò chiedo scusa se le mie parole fluiranno in disordine, guidate  non sempre dalla lucida ragione ma dai ricordi offuscati e ingialliti anche dal tempo.
La zia Naceta ha già vissuto 100 anni e siamo sicuri che grazie all’amorevole assistenza di figli e nipoti  vivrà ancora per molto, la sua missione su questa terra non è ancora finita e secondo me la sua presenza sarà ancora più importante in futuro. Numerose famiglie fanno riferimento a lei e sono unite da lei come un nastro che stringe un mazzo di fiori.

Leggi tutto:
 
Marchese Tranquillo (mesciu Tranquillu)
Scritto da knidè   in data 05.04.2012

(n. 16 ottobre 1910 – m. 5 maggio 1988)

Tra i personaggi da scoprire e ricordare, vi vorremmo raccontare di un altro maestro d’arte.
Il suo nome è quasi “titolato” e come Mesciu Tranquillo Marchese vien da tutti rammentato.
“Tranquillo” lo era di nome e di fatto: saggio, pacato, disponibile con la gente e, per l’epoca, di certo molto preparato.
Punto di riferimento nella frazione, al pari del prete e del dottore, per ogni decisione veniva spesso consultato ed informato e, persino, dalle Forze dell’Ordine, per informazioni, considerato uomo fidato.
Falegname  apprezzato e stimato, realizzava i suoi lavori in maniera tradizionale, col solo uso di pialla, martello, sega e scalpello, curando, nella bottega di piazza Mameli, anche la formazione di qualche volenteroso giovincello.

Leggi tutto:
 
Rizzo Chiara
Scritto da knidè   in data 05.04.2012

(n. 24 febbraio 1910 – m. 20 novembre 2009)

Knidè per l’anno 2010 sceglie Chiara Rizzo, una donna d’altri tempi, una donna che impersonifica tutte le nonne, una donna dal volto dolce, i capelli d’argento, la voce tremula, un passato lungo 99 anni.
Sceglie una donna in un momento storico in cui forte è ancora il bisogno di parlare di Pari Opportunità, di spazi riservati alle donne in ambiti in cui c’è ancora l’esclusiva al maschile; di tutela delle donne contro la violenza tra le mura domestiche, della necessità di un contributo rosa alla vita sociale e politica del paese.
Chiara nasce una vita fa, precisamente il 24 febbraio 1910 e, scrivendo la sua data di nascita, si viene colti da stupore, sorpresa, curiosità per una donna che non ha certo goduto sempre di agi, di benessere, di diritti.

Leggi tutto:
 
Nicolardi Arturo (mesciu Arturo)
Scritto da knidè   in data 05.04.2012

(n. 26 febbraio 1896 – m. 8 marzo 1986)
Il personaggio che vi andremo a raccontare nel calendario 2008 è un uomo di origini napoletane con l'arte e l'ingegno che scorrono a fiumi sotto le vene, doti e capacità tramandate, nel tempo, da padre a figlio a nipoti.
Arturo Nicolardi, meglio conosciuto come “Mesciu Arturu” nasce il 26 febbraio 1896, unito a nozze con la Sig.ra Contaldo Anita. Appena sposato, Arturo decide, insieme alla moglie, di trasferirsi a Castiglione, nella casa dei genitori di Anita in via Italia (già S. Mauro). Giunto in paese non fa passare molto tempo prima di farsi notare ed apprezzare per le sue doti di costruttore ingegnoso, coraggioso e professionale.

Leggi tutto:
 

Altri articoli...

  1. Sacerdoti di Castiglione
Prec12Succ